Secondo contributo svizzero – Credito quadro migrazione

Con il secondo contributo svizzero (crediti quadro coesione e migrazione) a favore di alcuni Stati membri dell'UE, la Svizzera intende contribuire a ridurre le disuguaglianze economiche e sociali e a gestire meglio i movimenti migratori in Europa. La Svizzera decide insieme ai Paesi partner quali programmi e progetti sostenere.

Con il secondo contributo svizzero, la Svizzera rafforza e approfondisce le relazioni bilaterali con i Paesi partner e con l'UE nel suo complesso. Inoltre, con la priorità tematica della migrazione, la Svizzera può contribuire ad affrontare le sfide attuali in Europa che riguardano anche il nostro Paese.

La responsabilità dell'attuazione nel settore della migrazione spetta alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Il credito quadro per la migrazione sarà utilizzato principalmente per finanziare programmi e progetti nei seguenti settori: Procedure di asilo, infrastrutture, rimpatri volontari e integrazione. I criteri utilizzati per definire i Paesi partner sono principalmente la pressione migratoria e le esigenze dei Paesi interessati in termini di gestione dei movimenti migratori.

Come per il contributo all'allargamento, la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) sono congiuntamente responsabili dell'attuazione del contributo svizzero nel settore della coesione. La Divisione Europa della Segreteria di Stato DFAE è responsabile del monitoraggio delle politiche europee.

Ultima modifica 03.08.2022

Inizio pagina