Libera circolazione delle persone Svizzera – UE/AELS

Grafico: ordine cronologico dei periodi transitori per la libera circolazione delle persone Svizzera – UE/AELS
Periodi transitori per la libera circolazione delle persone Svizzera – UE/AELS

L’Accordo del 21 giugno 1999 sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’UE (ALC) e i suoi Protocolli facilitano ai cittadini dell’Unione europea (UE) le condizioni di soggiorno e di lavoro in Svizzera. Il diritto alla libera circolazione delle persone è completato mediante disposizioni sul riconoscimento reciproco dei diplomi, sull’acquisto di immobili e sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale. Le medesime regole sono applicabili agli Stati dell’AELS.

L’ALC è entrato in vigore il 1° giugno 2002. A ogni allargamento dell’UE è stato esteso ai nuovi Stati membri tramite un protocollo addizionale.

Il 1° luglio 2013 la Croazia ha aderito all’UE. L’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia è stata negoziata in un nuovo Protocollo III. Dal 1° gennaio 2017 l’ALC è stato esteso alla Croazia. Da allora, i cittadini croati e le imprese con sede in Croazia sottostanno a disposizioni transitorie comprendenti limitazioni per quanto riguarda l’accesso al mercato del lavoro e contingenti.

A causa del recesso del Regno Unito dall’UE, dal 1° gennaio 2021 l’ALC non si applica più ai cittadini del Regno Unito. Maggiori informazioni sulla Brexit e sull’accordo con il Regno Unito sui diritti acquisiti dei cittadini sono reperibili sotto «Regno Unito (Brexit)».

Ulteriori informazioni

Integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell’UE/AELS in Svizzera

Pacchetto di misure del Consiglio federale del 24 febbraio 2010

Comunicati

Ultima modifica 08.02.2021

Inizio pagina